Aumenta la fedeltà dei tuoi clienti. Aumenta l’efficienza dei servizi tecnici

      Offrire un servizio di assistenza clienti di qualità significa aumentare la fidelizzazione.

Invito per il 29 Settembre 2016  a Verona

Argomenti e presentazioni in agenda

  Assistenza su più canali

Efficienza degli operatori tecnici

Gestione delle informazioni

Service intelligence

Strumenti innovativi di gestione (APP mobile)

 

   A chi si rivolge: aziende di installazione impianti, manutenzione e revisione, noleggio e service.

    Iscriviti, è gratis!

 

Microsoft Forum 2016 – AccelerateYourBusiness

A Microsoft Forum la tecnologia incontra il business.
Scopri le soluzioni di Microsoft e dei suoi Partner. Diventa protagonista della digital transformation della tua azienda.

19 Aprile 2016  ·  MiCo FieraMilanoCity

Keynote con i protagonisti della Digital Transformation, presentazioni parallele, aree showcase, panel di discussione con esperti, possibilità di networking. Qualunque sia il mercato e l’area di business in cui operi, a Microsoft Forum potrai scoprire il percorso ideale per la trasformazione digitale della tua impresa.

Esplora nuovi percorsi

I protagonisti del keynote di apertura offriranno una visione chiara su come realizzare una digital transformation di successo. Reinventare la produttività e i processi di business, mettere sempre le persone al centro, sfruttare tutti i benefici offerti dal cloud: tre opportunità che le imprese devono cogliere per accelerare il loro business e competere nella Digital Era.

Vivi un’esperienza unica

Nelle aree showcase potrai scoprire l’ultima generazione di device con Windows 10 e sperimentare concretamente alcune delle più innovative trasformazioni digitali realizzate in Italia e nel mondo. Nell’area Microsoft e presso gli stand dei Partner, potrai approfondire alcune delle soluzioni proposte, confrontandoti con i migliori esperti  delle tecnologie Microsoft.

 

 

Microsoft Dynamics: le novità 2016 per PMI

Dynamics, PowerApps & Co: tutte le novità Microsoft per le imprese e la strategia “mobile first, cloud first” al servizio del Business.

 

Le nuove tecnologie come volano di sviluppo per l’impresa 4.0 e leva competitiva per le PMI sui mercati internazionali: su questi presupposti sono state rinnovate le soluzioni Microsoft Dynamics (tra cui il gestionale NAV 2016, AX disponibile dal 2016), Dynamics CRM 2016 e introdotte le PowerApps. Un’innovazione a 360 gradi degli strumenti per le aziende, che testimonia come il segmento business resti al centro delle strategie Microsoft.

I paradigmi di questa impostazione: il cloud e la mobilità, su cui si basano le soluzioni dedicate alle PMI, e poi l’innovazione e l’internazionalizzazione, per le imprese di qualsiasi dimensione, comprese le start-up.

Partiamo da alcuni dati: secondo uno studio commissionato da Microsoft a Forrester Consulting, le imprese non sono al passo con il digitale, anche se il 94% delle europee dichiara di avere una strategia in atto. Nel 59% puntano su soluzioni di marketing, mentre sarebbe necessario ripensare la customer experience mettendo al centro il cliente con un approccio a lungo termine, puntando sula agilità per restare in linea con il mercato, e anzi anticiparne i trend. Aree prioritarie, data security e analytics, riconosciuti come tale rispettivamente dal 66 e dal 64% dei decision maker.

E poi, come sottolineato dall’A.d. Satya Nadella in occasione di Future Decoded di Roma, declinando il famoso Mobile first, cloud first: reinventare produttività e processi di business (è possibile lavorare in qualsiasi momento, in qualsiasi posto), conversation ecollaboration (strumenti che favoriscono il gioco di squadra), cloud intelligente, partecipazione e condivisione.

Dynamics nav

Novità per le aziende

L’ERP per le PMI Dynamics NAV 2016, sul mercato da ottobre, offre nuove funzionalità mobile, servizi cloud e interoperabilità con Microsoft Azure, Dynamics CRM e Office 365. Previste nuove applicazioni, semplici e intuitive, compatibili con tutti i sistemi operativi mobile (Android, iOS, Windows). Consultazione e disponibilità dei dati più semplice grazie all’integrazione dei dashboard e delle data connection di Power Bi, più vendite, servizio clienti migliore, contabilità efficiente attraverso l’integrazione nativa con Microsoft Dynamics CRM Online, massima scalabilità e sicurezza implementando Dynamics NAV su Azure SQL Database, il database-as-a-service di Microsoft. Il sistema consente di digitalizzare ogni attività attraverso una gestione estesa di documenti, workflow, e riconoscimento ottico dei caratteri (OCR) e offre un cloud più completo, con nuove funzionalità di estensibilità e connettività ampliate che consentono una maggior integrazione fra Microsoft Dynamic NAV e altri servizi cloud based.

Altra novità, le PowerApps, un nuovo servizio che consente ai dipendenti di creare le app di cui hanno bisogno, connettendole ai sistemi aziendali in modo sicuro e condividendole facilmente con i collaboratori. In pratica, attraverso le PowerApps i dipendenti possono creare app adatte a qualsiasi dispositivo senza particolari competenze di coding, glisviluppatori possono rilasciare dati e servizi per consentire ai dipendenti di innovare in prima persona e continuare a creare app web/mobile e API con Azure App Service, i team IT possono gestire dati organizzativi e la condivisione di app in modo controllato. E’ possibile dar vita a una app in pochi minuti con data connection integrate a servizi SaaS come Dynamics, Office 365 e OneDrive, ma anche Salesforce e Dropbox, oltre a sistemi on premise come SharePoint, SQL Server, database Oracle e altro.

Fonte: PMI.IT

Le imprese italiane sono pronte per la Digital Transformation?

Crescita del fatturato e fidelizzazione dei clienti sono i principali benefici dichiarati dai “Digital Disrupters”, ovvero le aziende che hanno investito con successo nella trasformazione digitale.

Lo studio, presentato ieri in anteprima in Italia, ha coinvolto 1442 responsabili IT e dirigenti d’azienda, tra i quali oltre 500 manager europei provenienti da Regno Unito, Francia, Germania, Italia, Svizzera e Spagna.

“L’indagine è stata condotta a luglio 2015 con l’obiettivo di capire come le aziende, a livello globale e italiano, stanno approfittando della Digital Transformation”.

Dalla ricerca emerge un primo dato incoraggiante: il 58% delle organizzazioni italiane dichiara di aver intrapreso un processo di trasformazione digitale nell’ambito di un programma coordinato. Tuttavia, il 19% delle aziende italiane intervistate intraprende iniziative digitali solo su singole aree, e il 20% punta sulle tecnologie digitali per spingere il business, ma non sta attuando una reale trasformazione aziendale.

Fonte: PMI.IT

 

 

“Formazione a sostegno dell’innovazione tecnologica di processo nelle imprese aderenti”

Aggiornamenti Avvisi Contributo aggiuntivo

 Fondimpresa

  • Nuovo incremento dei finanziamenti per l’Avviso 1/2015.
    Il Consiglio di Amministrazione, dopo l’incremento di risorse deliberato il 24 giugno, ha infatti deciso, nell’ultima seduta, di rendere disponibili altri 10 milioni di euro per la realizzazione di piani formativi aziendali o interaziendali rivolti ai lavoratori delle PMI, con l’utilizzo integrale delle economie sulle spese di gestione realizzate da Fondimpresa nel 2014.

    Contestualmente, il termine per la presentazione delle domande è stato prorogato al 31 marzo 2016 ore 13.

    Per approfondire l’argomento, potete contattare la nostra segreteria al n: 045 8271200 e chiedere di uno dei nostri funzionari specializzati nell’ambito dei fondi inter-professionali a fondo perduto per l’innovazione tecnologica nelle PMI.

   info@progeco.it  –  T. 045 8271200

 

Fonte: fondimpresa.it

In arrivo Microsoft Dynamics CRM 2016

Promette importanti upgrade in termini di intelligence, mobility e servizi la release 2016 di Dynamics CRM progettata da Microsoft per offrire un’esperienza integrata eliminando le distrazioni che normalmente si incontrano passando da un’applicazione all’altra e che possono ridurre la produttività del 40 per cento.

Capace di capitalizzare informazioni eterogenee, la nuova generazione di Intelligent customer engagement, in arrivo nel quarto trimestre 2015, ha ottimizzato l’esperienza di Excel con analisi e insight integrati per supportare, in primis, i commerciali offrendo loro uno strumento in grado di calcolare le commissioni e di gestire una previsione di vendita.
A sua volta, la prossima generazione della nuova applicazione CRM per Outlook consente agli utenti di monitorare email, aggiungere al loro interno i contatti e di creare nuovi record per monitorare i messaggi di posta elettronica attraverso il browser su pc, Mac o da smartphone.

Su Microsoft Dynamics CRM 2016 si è lavorato a lungo anche per offrire una consultazione semplificata di documenti pertinenti attraverso SharePoint, OneDrive for Business e Office 365 Groups e la creazione automatizzata di documenti personalizzati relativi alle vendite.
Obiettivo: rendere più facile per le persone aprire un documento in app CRM utilizzando un’applicazione diversa su vari dispositivi, come Microsoft PowerPoint per iPad o Microsoft Word per iPhone.

Per supportare gli addetti al customer service, al marketing e alle vendite, le funzionalità del “social network” di Office 365, Delve, mettono, a loro volta, in connessione contenuti di rilievo rispetto a quello su cui sta lavorando l’utente, così da consentire di focalizzarsi sui processi di business strategici e ottimizzare la produttività, mentre l’integrazione con l’assistente personale per Windows 10, Cortana, permetterà di far emergere ciò che è più rilevante per i venditori in qualsiasi momento cogliendo il meglio dalle proprie fonti personali e professionali.

 

Fonte:01net

 

I tablet rivoluzionano la produttività delle aziende italiane

Secondo i datori di lavoro, cresce del 32% la produttività di chi usa un tablet sul lavoro

L’utilizzo dei tablet nelle imprese italiane ha dato il via ad una “rivoluzione della produttività”: secondo uno studio condotto dall’istituto di ricerca Dynamic Markets per Panasonic Toughpad, il 77% dei datori di lavoro evidenzia infatti un sostanziale miglioramento nel rendimento dei lavoratori che utilizzano questa tipologia di device – miglioramento che in media, secondo gli imprenditori, equivale a ben il 32%. Anche il 55% degli utenti italiani si dimostra convinto che lavorare con un tablet abbia accresciuto la sua produttività, con un aumento medio del 29%

I dati provengono da uno degli studi più completi effettuati fino ad oggi sull’uso dei tablet nelle aziende europee, che ha coinvolto più di 2.300 persone che hanno acquistato o utilizzano i tablet all’interno di aziende con almeno 50 dipendenti, in 9 Paesi europei: Regno Unito, Francia, Germania, Italia, Spagna, Russia, Turchia, Polonia, e Benelux.

Finanziare l’innovazione a fondo perduto – 10 milioni di euro alle PMI per la formazione

Con l’Avviso 2/2015 Fondimpresa ha stanziato 10 milioni di euro per la formazione dei lavoratori delle PMI aderenti con la partecipazione a corsi presenti nei Cataloghi Formativi qualificati.


Dalle ore 9:00 del 1 luglio 2015
si potranno presentare richiesta di finanziamento nelle modalità previste dall’Avviso

Il contributo aggiuntivo è concesso ai piani presentati sul “Conto Formazione”, nell’ambito dello stanziamento complessivo, per un importo compreso tra 1.500,00 e 10.000,00 euro per azienda. E’ quindi possibile ripartire il contributo concedibile su uno o più piani formativi.

Elementi salienti dell’avviso

– ciascuna PMI può ricevere il contributo aggiuntivo anche in più piani formativi, aziendali o interaziendali, anche in Ambiti diversi, nel limite del massimale per azienda.

– E’ richiesta alle PMI interessate la presenza di un saldo attivo sul proprio Conto Formazione

– Possono beneficiare di tale contributo esclusivamente le PMI in possesso dei requisiti dell’Avviso che a partire dal 15 maggio 2014 non hanno presentato alcun Piano a valere su altri Avvisi di Fondimpresa che prevedono la concessione di un contributo aggiuntivo al Conto Formazione, fatto salvo il caso in cui il Piano precedentemente proposto sia stato annullato o respinto.

L’avviso si presta particolarmente per le iscrizione di uno o più dipendenti a corsi a catalogo su tematiche standard, es. corsi pe l’uso di nuovi strumenti d’innovazione, e di processo, quindi sistemi gestionali standard, CRM, gestione documentale e strumenti informatici di tesoreria.

 

Per maggiori informazioni e per avere un una consulenza specifica, senza alcun costo, contattare il numero 0458271200 oppure inviare una e-mail a m.ganzerli@progeco.it

 

Microsoft Dynamics CRM 2015, vendite nelle PMI 2.0

La piattaforma per la forza vendite, Microsoft Dynamics CRM 2015, aggiornata in chiave cloud e Mobile, offerte specifiche per le PMI, rinnovati anche il gestionale (Dynamics NAV 2015)

 

Ottimizzare la collaborazione interna e offrire ai clienti esperienze sempre più su misura per ciascun ruolo aziendale coinvolto: sono le due funzioni maggiormente curate nel mettere a punto Microsoft Dynamics CRM 2015, ultima versione della piattaforma diCustomer Relationship Management del colosso di Redmond. Nuove versioni 2015 anche per sistemi gestionali Microsoft Dynamics NAV 2015 . Il tutto, all’insegna della nuova strategia impostata un anno fa dal Ceo, sintetizzata dallo slogan “Mobile first, Cloud first“. E proprio le proposte per le PMI puntano in particolare su questi due aspetti, il cloud e il Mobile, che garantiscono economicità, facilità d’utilizzo, flessibilità gestionale.

Microsoft Dynamics

Microsoft Dynamics  rinnova l’interfaccia utente naturale (NUI), viene integrato con Cortana, l’assistente virtuale che con comandi vocali permette di impostare meeting e promemoria, ricercare contatti e attività, visualizzare elenchi di clienti e creare nuovi record. Sono state potenziate le funzioni anche per gestire scenari complessi (calcoli e resoconti), introdotti 27 nuovi Industry Template, pensati per specifici settori di business (fra gli altri, finanza, retail, pubblica amministrazione, produzione, servizi professionali). C’è anche una soluzione Sales Productivity, che integra una serie di prodotti fra cui Office 365, per migliorare l’integrabilità con le funzioni aziendali ma anche i rapporti con i clienti, e Power BI, che offre strumenti di analisi. Si punta in particolare sulla collaborazione fra marketing e vendite, sulla fruibilità da tutti i device (dal 1 febbraio 2015, compatibilità con tutti i sistemi operativi Mobile, Windows, iOS e Android).

 

Dynamics CRM Online

C’è una proposta specifica per le PMI, con Dynamics CRM Online disponibile in modalità Volume Licensing Open Program. Infine, Dynamics include anche la nuova tecnologia di Parature, servizio di customer service che migliora la proattività degli agenti consentendo loro di interagire con i clienti attraverso diversi canali, applicazioni e dispositivi in modo personalizzato.

Microsoft Dynamics NAV 2015

Per quanto riguarda Microsoft Dynamics NAV 2015, il gestionale (ERP), la versione 2015 ottimizza l’esperienza touch, migliorando quindi le performance mobility (i dati sono sempre accessibili in qualsiasi momento, da qualsiasi dispositivo), è possibile ottenere un accesso rapido alle informazioni più importanti tramite home page personalizzate, è stata semplificata la stesura ed emissione delle fatture, grazie alla interoperabilità con Word, e in generale è stata completata l’integrazione con Azure (il cloud, ovvero la “nuvola informatica” che elimina la necessità di avere un proprio server) e con Office 365 (archiviazione illimitata con OneDrive).

Fonte: PMI.IT

Come si evolve l’enterprise mobility in Italia

Secondo un’indagine IDC, il fenomeno nel nostro Paese è in crescita e coinvolge, oltre al dipartimento IT, anche le diverse linee di business

Smartphone e tablet continuano a crescere in termini di unità vendute, ma si abbassano i prezzi e cambiano i formati, questo è il fenomeno più importante che ha caratterizzato l’evoluzione negli ultimi anni e che ancora per i prossimi 2 o 3 anni sarà determinante per tutto ciò che riguarda la mobility e non solo delle imprese.

In particolare per quanto riguarda gli smartphone”, spiega  Daniela Rao, ‎Research Director at IDC Italia, nel corso del recente IDC Mobiz-Mobility Forum, “avremo nel corso dei prossimi anni un grande flusso di prodotti a prezzo medio-basso (entro i 100 euro), mentre per i tablet andremo verso uno scenario in cui prevarranno i modelli da 5-8 pollici. Dal punto di vista delle unità vendute”, aggiunge, “ siamo sempre in crescita, sopra i 20 milioni di pezzi all’anno”.

Per inquadrare la vastità del fenomeno mobility in Italia basta pensare che attualmente nel nostro Paese ci sono 100 milioni di Sim, 
che negli ultimi anni tendono alla stabilità, ma sono destinate a crescere anche grazie all’Internet of Things, di cui si attende il decollo, sostiene IDC. “
C’è un forte utilizzo di queste Sim per la componente dati e ne abbiamo circa 12-13 milioni distribuite nelle imprese, di queste 10 milioni comprate e gestite direttamente dalle aziende e le restanti 2-3 milioni portate dai lavoratori all’interno delle società”, puntualizza Rao (nella foto). “Calcolando che in Italia abbiamo circa 20 milioni di lavoratori, 12-13 milioni di Sim sono un numero considerevole,  che evidenzia quanto pesa l’enterprise mobility nel nostro Paese”.

Quando questo fenomeno è cominciato a essere evidente, i progetti di enterprise mobility coinvolgevano soprattutto i dipartimenti IT delle imprese, erano legati agli aspetti infrastrutturali, di gestione del parco, di sicurezza, di gestione delle piattaforme. “Ora, dopo due o tre anni, stiamo vedendo che l’evoluzione non riguarda più soltanto i dipartimenti IT e gli aspetti infrastrutturali, ma riguarda un vero e proprio cambiamento importante del modo di lavorare, coinvolge tutte le linee di business e si prepara a coinvolgere nei prossimi anni anche l’intera business community (partner, fornitori e tutti i soggetti che ruotano intorno alle aziende)”.

I maggiori progetti che abbiamo visto nascere e svilupparsi in Italia sono scaturiti proprio da un grande coordinamento tra il responsabile IT e le diverse linee di business”, prosegue Daniela Rao.“Secondo le nostre più recenti analisi, tra l’ICT manager e atri soggetti decisori aziendali, le relazioni sono molto evidenti, e quando si parla di progetti di ampio respiro e di cui si possono vedere le evidenze di successo, notiamo che ci sono state delle relazioni molto importanti con figure come il CIO, il CFO, il Marketing Manager, il Responsabile delle Risorse Umane e il Responsabile delle Operations. Senza dubbio gli aspetti infrastrutturali e le scelte tecnologiche rimangono importanti e sulle spalle dei CIO, ma molti altri aspetti che riguardano l’organizzazione, il livello di accesso alle applicazioni, il disegno delle procedure, coinvolge altri soggetti e rende indispensabile la collaborazione. Questo è un fenomeno molto recente che abbiamo visto svilupparsi nel corso degli ultimi sei mesi”.

Attualmente siamo arrivati a un punto in cui quattro aziende su cinque hanno introdotto mobile device aziendali, uno su cinque sono gli addetti che utilizzano i mobile device, non solo aziendali, ma per scopi lavorativi e una su tre sono le aziende che hanno adottato sistemi di Mobile Device Management o soluzioni per la gestione della mobilità. Email e CRM sono le applicazioni maggiormente adottate.

Ciò dimostra come le aziende italiane siano sempre più sensibili a questo tipo di tecnologie e comprendano tutti benefici che il lavoro in mobilità consente.

Fonte: cwi.it